Scitto da il 31/01/2015

CU4_8768OK

Cartolina da Cuba (sono da poco rientrata da un viaggio “on the road” lungo le stesse strade già percorse nel passato…)

“A Cuba”: così Danilo Manera, scrittore innamorato di Cuba, aveva con felice intuizione intitolato un suo libro sul Paese. Un titolo che, come moto a luogo e stato in luogo, è un invito al viaggio, ma che è anche un vocativo, una dedica appassionata all’Isla Grande.

E “a Cuba” bisogna andarci o tornarci, ora. La famosa frase: “Vai a Cuba prima che cambi” è ancora più vera oggi, dopo che è stata dichiarata la fine dell’embargo.

Cuba è un paese ricco di storia, letteratura, cultura, politica, musica, natura, umanità e con un fantastico patrimonio architettonico. Ma è un mondo fragile e precario, avvolto dal sottile fascino della decadenza. Quel passato altrove distrutto dal progresso, qui è sgretolato lentamente dal trascorrere del tempo, proprio come le rughe che si disegnano sui volti dei vecchi.

Cuba non rientra certo in quello che si è soliti chiamare “Terzo Mondo”, ma è un mondo altro, un’isola dove il tempo è sospeso, dove si vive come da noi negli anni ‘60 e come si viveva nell’era pre-internet, dove passato e presente coesistono e si mescolano come un cocktail che dà allegria e lascia una vena di malinconia.

Cuba sta cambiando. C’è un visibile brulicare di piccole iniziative a fronte di una lenta liberalizzazione dell’economia (casas particulares, paladares, compravendite di case e auto, utilizzo generalizzato di pesos convertibles, la moneta che era dei turisti…). Ancora poco il traffico, ancora in circolazione le vecchie auto americane e poi camion pieni di gente, trattori, carretti trainati da cavalli, ma anche i nuovi bus di fabbricazione cinese ad uso quasi esclusivo dei turisti, mentre i cubani aspettano un passaggio sventolando mazzette di pesos.

Cuba sì, Yankees sì. Ma nessuno vuole un paese stile Disneyland, nessun cubano e nessun viaggiatore innamorato dell’isola. Difficile immaginarne il futuro. Tutti sperano che la vita migliori per i cubani, ma anche che l’anima di Cuba resista, nonostante l’inevitabile e necessario cambiamento.

Anna

Guardate questo video GO CUBA trovato in internet…

TAGS
RELATED POSTS
1 Comment
  1. Rispondi

    laura

    02/02/2015

    condivido tutte le tue osservazioni, Anna, Cuba resta dentro, lasciando una dolce nostalgia (molto ben fatto il video!)

LASCIA UN COMMENTO

ANNA MASPERO
Como, IT

Ho insegnato inglese, piantato alberi, letto molto e molto viaggiato. Non ha mai smesso di cercare e di pormi domande e sono certa che molte risposte stiano nel viaggio e nei libri. Ho scritto due libri sul viaggio: “A come Avventura, Saggi sull’arte del viaggiare” e “Il Mondo nelle Mani, Divagazioni sul viaggiare”, sono autrice della guida Bolivia e coautrice della guida Colombia, tutti editi da Polaris per cui sono anche la responsabile dell’Ufficio Stampa. Collaboro con diverse riviste fra cui LatitudesLife, Erodoto108 e Kel12 Magazine. Quando non sono in giro per il mondo, mi trovate nella mia fattoria in Brianza e naturalmente sempre sul mio blog.


Collaborazioni

I MIEI LIBRI