Arrivederci a Roma!

marzo 10, 2009 / by / Category : Amor America, News

053-salarCari tutti, sarò a Roma il 18 marzo per una  presentazione  a più voci sulla Bolivia presso la libreria BIBLI, vi aspetto!
Anna

Mercoledì 18 Marzo 2009 P

Libreria BIBLI Via dei Fienaroli, 28 (Trastevere) – 00153 Roma
A partire dalle ore 18.00

“Il Salar dello Uyuni”
Diario di un viaggio in Bolivia
Il libro che racconta, attraverso immagini, taccuini e disegni, il percorso di turismo sostenibile che il COSV sta realizzando in Bolivia, con le comunità del Salar dello Uyuni e Asur, l’associazione degli Antropologos del Sur Andino. 

Ne parlano:

Esteban Almer Catarina – Ambasciatore della Bolivia in Italia

Anna Segneri – Product manager – Sud America – Kel 12

Claudia Cui – Responsabile Sud America del COSV – Solidarietà Italiana nel mondo

Anna Maspero – viaggiatrice, scrittrice e autrice di Guide e libri sul viaggio

C’e un luogo, nascosto da montagne alte fino a 5.000 metri, piatto e bianco; un luogo che quando piove diventa “lo specchio più grande del Mondo”; un immenso lago senza traccia d’acqua, dove galleggiano, nel biancore di un sole troppo vicino, isole ricoperte di altissimi cactus abitate da genti che non amano navigare. Esiste un luogo in cui le giornate scorrono senza altri rumori che il vento, la pioggia, e il passo leggero dei fenicotteri rosa che s muovono tra le lagune dai tanti colori: verde, rossa, azzurro. Esiste questo luogo, e noi l’abbiamo visto; un deserto immenso, di solo sale, dove la vita non pare possibile, senza più punti di riferimento; dove perdersi può voler dire smarrire la propria strada o il senso (che poi e la stessa cosa)…per sempre.

“Il Salar dello Uyuni”
un libro a cura del COSV-Solidarietà Italiana nel Mondo, foto di Eduardo Osorio e di Angelita Piattti

Per tutti noi, per i nostri partner boliviani e per le comunità con cui abbiamo lavorato, il termine “Turismo Responsabile” non ha nulla di ideologico, significa semplicemente favorire migliori condizioni di sviluppo – sostenibile – per quelle popolazioni indigene che vivono ai margini di risorse naturali praticamente uniche, anche per bellezza, al punto da rappresentare potenzialmente una vera e propria fonte di ricchezza. Abbiamo avuto la fortuna di costruire insieme a loro un percorso che racchiude in sé tante piccole e grandi tappe, sfide e ostacoli, che sono state percorse una dopo l’altra, recuperando le culture ancestrali delle comunita del Salar. Yura, Colchani, San Juan, Aguaquisa, Atulcha, Inkahuasi sono nomi di localita che purtroppo non raccontano più la forte identita culturale e la ricchezza di tradizioni di chi le abita. Attraverso ricerche, interviste, il recupero delle tradizioni e dei riti che – trasmessi oralmente – rischiavano di perdersi, le abbiamo restituite alle comunita che ne sono ora le legittime proprietarie. Il futuro del turismo nel Salar vorremmo fosse fatto di persone, di uomini e di donne consapevoli, persone che – con dignita e consapevolezza – tornino ad esserne le principali custodi di quell’immenso monumento di sale che un giorno, forse, conobbe la nascita del mondo e che oggi, più brutalmente, rappresenta il più importante giacimento di litio al mondo; quasi la meta delle risorse mondiali, indispensabili per la produzione di batterie per computer e cellulari.

Inserisci un commento

Qui sotto puoi inserire il tuo commento.

Facebook IconYouTube IconTwitter IconGoogle +Google +Google +Google +Google +Google +Google +