Colombia: No e Nobel

ottobre 11, 2016 / by / Category : Amor America

Dopo 52 anni di guerra ed economia del narcotraffico, dopo 250mila morti, dopo 7 milioni di desplazados interni fuggiti dalle proprie case, dopo quattro anni di negoziati, finalmente il 26 settembre la firma dell’Accordo fra il governo di Bogotà e le Farc, le Forze armate rivoluzionarie di Colombia a Cartagena de Indias, poi il brusco risveglio del NO al referendum del 2 ottobre che per una manciata di voti ha respinto l’accordo e la sorpresa del Nobel per la Pace al Presidente Juan Manuel Santos il 7 ottobre… In questo rapido susseguirsi d’eventi ci si chiede quale pace sia possibile per la Colombia. Viaggiando dentro il Paese la sensazione è quella di un Paese sicuro, desideroso di guardare avanti pur senza nascondersi le difficoltà di trovare nuovi equilibri e soluzioni giuste, ma girare pagina dopo mezzo secolo di guerra civile non è facile. Il “sì” alla pace era stato dato troppo precipitosamente per scontato, ma il no non riuscirà né a bloccare il processo in atto, né a stravolgere quanto accordato. L’assegnazione del Nobel è una scommessa che può aiutare a salvare questo processo. E ieri al grido “Mai più guerra!” e con fiori bianchi in mano, decine di migliaia di persone hanno sfilato per le strade della Colombia per sostenere l’accordo di pace.

Anna

Inserisci un commento

Qui sotto puoi inserire il tuo commento.

Facebook IconYouTube IconTwitter IconGoogle +Google +Google +Google +Google +Google +Google +