Il sale della terra

dicembre 8, 2014 / by / Category : Foto&Viaggio

Il film/documentario di Wim Wenders su Sebastião Salgado è straordinario. C’è tutta la bellezza e la forza tragica delle foto di Salgado, un bianco e nero che non scade mai nel morboso, ma è sempre intriso di delicatezza, di compassione nel senso vero del termine, “soffrire con”. A lui “importava davvero della gente”, come dice Wenders. La sua regia quasi scompare dietro alla grandezza di Salgado che si racconta e racconta il cammino dell’uomo attraverso l’ultimo mezzo secolo, quello che per la mia generazione è stato un tempo di pace solo perché i conflitti e gli eccidi sono avvenuti fra esseri umani “di serie B” in un altrove che non è sotto i nostri occhi. E anche quando erano più vicini a noi, nel cuore d’Europa, ci hanno solo sfiorato, sepolti in fretta in una colpevole indifferenza.
Il film è una cruda denuncia della ferocia dell’uomo: “Siamo animali feroci noi umani, la nostra è una storia di guerre”. Ci lascia in silenzio e sconvolti. Anche Salgado esce distrutto nell’animo dalla testimonianza del genocidio del Ruanda. Poi la terra, la sua terra, e la forza della moglie Léila lo salvano. Il suo ultimo lavoro, Genesi, da cui la straordinaria mostra che a Milano ha chiuso da poco i battenti, è la resurrezione, un atto d’amore per il mondo e la sua diversità, il testamento di quest’uomo che è alla fotografia ciò che Ryszard Kapuściński è alla scrittura. Un gigante.

Guarda il trailer

Anna

© Sebastião Salgado/Amazonas Images

2 Comments

  • laura scrive:

    commento toccante, Anna, profondo come questo magnifico film che ha la forza di sommuovere sentimenti contrastanti, la pietà e la rabbia.
    “E’ contro l’indifferenza che bisogna combattere con tutte le proprie forze. E per farlo un’arma esiste: l’educazione. Bisogna praticarla, diffonderla, condividerla, esercitarla sempre e dovunque. Non arrendersi mai.”
    (Elie Wiesel, premio Nobel per la pace-1986)

  • Lore scrive:

    Hai ragione Anna, Salgado non è solo un bravo fotografo…è un uomo che con le sue foto riesce a sfiorare le corde più intime della coscienza di noi tutti. Io ho sul tavolo quell’enorme catalogo che ho comperato alla mostra di Milano e ogni tanto mi fermo a sfogliarne qualche pagina…perché non si può guardare tutto di seguito… al massimo quattro o cinque pagine alla volta alla volta per cercare di “ascoltare” quello che le foto trasmettono. E’ un grand’uomo non c’è che dire!!!

Qui sotto puoi inserire il tuo commento.

Facebook IconYouTube IconTwitter IconGoogle +Google +Google +Google +Google +Google +Google +