Interviste

A casa di Miss Avventura – prima parte

on
03/02/2015

INTERVISTA Radio Stonata con Gaia e Teo / gennaio 2015 – Prima Parte

B come Bolivia, M come Mondo, S come Scoperta e A come Avventura, ma soprattutto come Anna: parlo di viaggi, di libri e di me a tutto campo, un’ora di intervista inframmezzata dalle domande degli ascoltatori e dalle canzoni che amo di più.

Prima parte: Il viaggio, le emozioni, il cammino, le esplorazioni, le nuove tecnologie…

TAGS
RELATED POSTS
2 Comments
  1. Rispondi

    Anonimo

    07/02/2015

    Ho ascoltato e… Mi hai fatto piangere. Ho pensato a ciò che è e non è stato, A ciò che avrebbe potuto essere, se… Ho pensato anche a quanto non so di te e quanti racconti, esperienze, immagini di luoghi lontani.. Insomma, Anna, chissà se prima o poi riuscirò a sottrarti ai tuoi impegni per un intero pomeriggio e costringerti a raccontare.
    Ho pensato anche a come c’è stato un momento nella vita in cui provavamo le stesse emozioni , alla nostra ingenuità di ragazze e al nostro coraggio nell’affrontare esperienze nuove. Poi la vita ci ha diviso ed entrambe siamo cresciute con esperienze molto diverse ma ancora con quel medesimo coraggio. È vero quello che dici, il viaggio è uno strumento, ce ne sono altri. Siamo entrambe cresciute, e tanto anche. Siamo persone migliori, persone di valore.
    Sono contenta e orgogliosa di essere tua amica e soprattutto di esserlo non perché abbiamo in comune interessi o “cose”, ma perché semplicemente parliamo la stessa lingua, perché ci capiamo. Un’amica è quella persona a cui non devi spiegare tanto, perché intuisce, con cui ti puoi sfogare se ne hai bisogno, sapendo che ti accetta e non ti giudica, con cui puoi piangere liberamente oppure ridere per delle stupidate. Sapere di poter contare su un’amica ci rende più forti. Io ti voglio bene, Anna, puoi contare su di me.
    p.s. Grazie per le musiche, mi ci sono riconosciuta!

  2. Rispondi

    Anonimo

    07/02/2015

    Cara Anna, sì, è arrivato il tempo di raccogliere e tu hai seminato bene. Tu lo sapevi, e noi amici lo sapevamo ma cominci ad averne anche la prova diciamo dall’ “esterno”. Ricordo molti discorsi con te in cui mi raccontavi davvero molte delusioni che ti venivano In vario modo dalle persone che conoscevi, nonostante tutto il tuo prodigarti. A volte davvero incomprensibili. Ricordo che dicevamo: nel mondo là fuori c’è di tutto, e tu sei in contatto con molti, non puoi selezionare così come potrei fare io in una realtà coì’ piccola e protetta come la mia… Allora, sembra che sia giunta l’ età in cui si raccoglie e sono felice per te perché te lo meriti. Hai fatto tutto da sola con onestà ed intelligenza. E guarda che molti, anche se hanno raggiunto l’ età :-), non raccolgono ( o poco). Quindi vuol dire che sei brava e che fai scelte coraggiose. F.

Leave a Reply to Anonimo / Cancel Reply

ANNA MASPERO
Como, IT

A come Avventura, B come Bolivia , C come Colombia, M come Mondo… ma anche C come Casa e Cascina Chigollo… Potrebbe essere il titolo del racconto della mia vita di partenze e ritorni. Da mio nonno, soprannominato “Mericàn”, emigrato in Perù e poi ritornato fra le colline della sua Brianza, ho ereditato lo spirito d’avventura e l’amore per la mia terra. Perché di queste due cose sono fatta, un po’ nomade e un po’ stanziale. Andare e ritornare, proprio come le rondini che ancora nidificano sotto i tetti della fattoria del nonno dove vivo…. “Inverno in Egitto, giugno a Parigi. Snobismo delle rondini“, scriveva Paul Morand. Il viaggio è stato per me il primo amore. A quarant’anni ho dato le dimissioni dall’Istituto Sperimentale Linguistico dove insegnavo inglese, preferendo la vita a colori del mondo che è fuori, inseguendo nuove partenze e nuovi ritorni, ma sempre con la passione e la curiosità della prima volta.


I MIEI LIBRI