Racconti di Viaggio

Bye-bye Scotland

on
30/06/2024

Giugno 2024. Un volo all’alba sopra le Alpi innevate, l’auto che ci aspetta all’aeroporto di Edimburgo e subito ci dirigiamo verso nord e le Highlands lungo strade ogni giorno più strette. Avevo solo ricordi vaghi di un mio viaggio in Scozia da ragazza in giro in autostop e per ostelli. Ora abbiamo lasciato l’incertezza dell’autostop per la comodità di un’auto, ma le sistemazioni sono sempre in bunk houses e ostelli, complici i tanti turisti e la difficoltà di trovare alloggi.

Sopra di noi cieli cupi, a bordo strada magnifici fiori spontanei, macchie di enormi rododendri, distese di felci e muschi, prati verdissimi popolati da migliaia di pecore, colline brulle punteggiate da cespugli di ginestre e scure macchie di erica che in autunno dipingeranno il paesaggio di viola.

Guidiamo lungo coste frastagliate battute da un mare sempre agitato, scuri laghi che occupano i “glen”, le valli profonde.

Improvvisamente dietro una curva appare un gruppo di cervi che pascolano tranquilli…

Ci fermiamo per visitare abbazie, cimiteri, castelli custodi di storie di battaglie vere e fantasmi immaginari, fari isolati su speroni di roccia, piccoli porti con case dai colori vivaci e allegri pub, giardini curatissimi e parchi con alberi secolari. 

Il paesaggio si ripete simile giorno dopo giorno: si fa il pieno di verde e anche di nuvole e pioggia (che pure dovrebbero essere parte del fascino di queste terre), ma si vorrebbe anche l’azzurro del cielo: basta che il sole riesca a filtrare fra le nuvole per regalare scorci di grande bellezza…

Bye-bye Scotland, nonostante le tante ore di luce delle giornate estive, sei un paese troppo avaro di sole per me!

 

 

TAGS
RELATED POSTS
ANNA MASPERO
Como, IT

A come Avventura, B come Bolivia , C come Colombia, M come Mondo… ma anche C come Casa e Cascina Chigollo… Potrebbe essere il titolo del racconto della mia vita di partenze e ritorni. Da mio nonno, soprannominato “Mericàn”, emigrato in Perù e poi ritornato fra le colline della sua Brianza, ho ereditato lo spirito d’avventura e l’amore per la mia terra. Perché di queste due cose sono fatta, un po’ nomade e un po’ stanziale. Andare e ritornare, proprio come le rondini che ancora nidificano sotto i tetti della fattoria del nonno dove vivo…. “Inverno in Egitto, giugno a Parigi. Snobismo delle rondini“, scriveva Paul Morand. Il viaggio è stato per me il primo amore. A quarant’anni ho dato le dimissioni dall’Istituto Sperimentale Linguistico dove insegnavo inglese, preferendo la vita a colori del mondo che è fuori, inseguendo nuove partenze e nuovi ritorni, ma sempre con la passione e la curiosità della prima volta.


I MIEI LIBRI