Interviste

Donne in viaggio

on
31/10/2020

Lunedì 2 novembre, ore 21: storie di donne viaggiatrici. Evento online https://kel12.com/webtv/ organizzato da Kel 12 e National Geographic Expeditions.

Due grandi viaggiatrici ci faranno entrare nelle loro vite, racconti di grandi viaggi affrontati da donne con un’unica grande passione: la scoperta.
Caterina Borgato: “Volevo rendere omaggio alle donne nomadi incontrate in tanti viaggi in Dancalia.
E desideravo farlo nel modo più silenzioso possibile. Ho scelto la bicicletta.
Sono partita da Awash dove ha finito il suo viaggio la nostra “grande madre”, Lucy, la prima donna viaggiatrice, la prima donna che ebbe il coraggio e la curiosità di iniziare a camminare per andare oltre la sua terra conosciuta.”
Anna Maspero: “La mia America è lì, a sud: l’America Latina, un continente spesso ignorato ma che tanto ha dato al mondo e verso cui ho da sempre un legame profondo. Quelli in Sudamerica sono stati i miei viaggi-sogno, quelli che mi portavo dentro fin da adolescente ed è certo per questo che ho scelto la Bolivia e la Colombia cui dedicare il tempo, l’amore e la passione necessari per scrivere una guida di viaggio. Ora guardando indietro mi sembra che ci sia voluta una buona dose di coraggio e forse anche un po’ di pazzia per partire sola alla scoperta di questi due paesi belli e tormentati, ma loro mi hanno accolta, proprio come cento anni prima il Perù accolse mio nonno, e io ho fatto del mio meglio per raccontarne la bellezza e l’anima profonda.”Come partecipare? Pochi semplici passi:
1. Collegati al link nel giorno ed ora della trasmissione ->
https://www.nationalgeographicexpeditions.it/webtv/
2. Poco prima della diretta comparirà un box per inserire nome ed email
3. Goditi lo spettacolo

TAGS
RELATED POSTS
ANNA MASPERO
Como, IT

A come Avventura, B come Bolivia , C come Colombia, M come Mondo… ma anche C come Casa e Cascina Chigollo… Potrebbe essere il titolo del racconto della mia vita di partenze e ritorni. Da mio nonno, soprannominato “Mericàn”, emigrato in Perù e poi ritornato fra le colline della sua Brianza, ho ereditato lo spirito d’avventura e l’amore per la mia terra. Perché di queste due cose sono fatta, un po’ nomade e un po’ stanziale. Andare e ritornare, proprio come le rondini che ancora nidificano sotto i tetti della fattoria del nonno dove vivo…. “Inverno in Egitto, giugno a Parigi. Snobismo delle rondini“, scriveva Paul Morand. Il viaggio è stato per me il primo amore. A quarant’anni ho dato le dimissioni dall’Istituto Sperimentale Linguistico dove insegnavo inglese, preferendo la vita a colori del mondo che è fuori, inseguendo nuove partenze e nuovi ritorni, ma sempre con la passione e la curiosità della prima volta.


I MIEI LIBRI