News

Fotografare la miseria

Scritto da il 21/07/2008

peru-claudio-testa-sul-marciapiede

 

Da “La Compagnia dei Viaggiatori ” riprendo una sintesi di un interessante scambio di mail fra Claudio Testa (fotografo) e Alfredo.

 

 

 

La domanda

Ciao Claudio … Tu sai come mi piacciono le tue foto … ma perché hai fatto quel primo piano al mendicante di Arequipa? … possibile che non ci fosse nessuna altra foto più “caratteristica”del Perú? I bambini di Paracas, le donne al mercato e, guarda, anche il mendicante… ma non così in primo piano! Non parlo della tecnica fotografica, ovviamente. È solo che mi sembra una mancanza verso la dignità alla quale tutti abbiamo diritto. Spero che non ti arrabbierai per questa mia critica che vuol essere rispettosa e costruttiva. Ciao, Alfredo

La risposta

… Ti sei sentito offeso da una foto che mostra un mendicante nel centro di Arequipa, la Ciudad Blanca, la città che vorrebbe essere capitale del Perù? Bello il suo centro storico, con il monastero di Santa Caterina, le sue università, ma hai visto quando ti avvicini? Come tutte le città sudamericane è contornata di baracche, case abusive, strade di polvere e fango secondo le stagioni. Guardiamole ‘ste cose!  Io mi sento offeso dal fatto che in pieno centro di Arequipa – come nel pieno centro di Roma o Parigi – si incontrino persone costrette a vivere mendicando tra l’indifferenza generale. …

A parte questo torniamo alla fotografia. Facciamo pure vedere le cose belle e pittoresche, ma se c’è una categoria di turisti che non sopporto sono quelli che tornando da paesi dove la povertà è onnipresente  e ti dicono “sì, sono poveri, ma sono sereni, sorridono sempre, magari noi …”. Quelli che vanno a Machu Picchu per la “carica di energia positiva” che emana il luogo, i viaggiatori new-age, edonisti, turisti tuttocompreso che salgono e scendono da pullman, aerei, sempre di corsa, che non hanno il tempo di vedere, che incamerano ricordi belli e nient’altro. …

Non mi piacciono i fotografi che fanno soldi sulla disperazione passando poi per fotografi “impegnati”. Nella fotografia sociale c’è modo e modo di riprendere il “soggetto”: c’è chi rispetta, e chi se ne strafrega, pensando che quello che ha davanti all’obiettivo è solo una figura da immortalare per il proprio tornaconto personale e macina clik dopo clik, tanto poi dopo sceglie. La fotografia che preferisco fare è quella d’ambiente. Fotografare natura e paesaggi è rilassante; com’è eccitante immergersi in un mercato, in una festa indigena, respirarne odori, sentire i rumori, fotografarne i colori. Viaggio in maniera del tutto autonoma cercando di non ignorare niente. Bello e brutto fanno parte del viaggio, la medaglia e il suo rovescio. Quel mendicante era uno dei tanti che incrociavo tutti i giorni e quella mattina tra quei liquidi che scivolano sul marciapiede, quelle gambe che lo oltrepassano incuranti … é un attimo un clik. Non credo sia offensiva per lui quell’immagine, se c’è un’offesa è rivolta a quelle gambe e quelle scarpe, appena lucidate dallo sciuscià-bambino, che scivolano via incuranti di tutto.

… Non facciamo i moralisti Alfrè, non manchi di rispetto al povero se lo fotografi e lo esponi senza fini monetari. Gli manchi di rispetto quando si fa finta che non esistano miseria e sfruttamento e quando si viaggia alla ricerca del pittoresco e del caratteristico.
Ciao,  Claudio

 

TAGS
RELATED POSTS
1 Comment
  1. Rispondi

    luciano Barnaj

    19/06/2009

    C’è stata fretta nello scattare, penso che l’angolatura più corretta sarebbe stata con la macchina fotografica più in basso, penso che l’inquadratura con tempo a disposizione sarebbe stata diversa.
    Presumo quindi che si tratti di una sorta di “foto rubata” forse fatta anche con la macchinetta al petto senza posare l’occhio al mirino. Probabilmente il mendicante non si è nemmeno accorto dello scatto, non la credo una immagine invasiva. Le foto invasive sono altre, ma più di tutto può essere invasivo l’atteggiamento del fotografo non certo l’immagine.

LASCIA UN COMMENTO

ANNA MASPERO
Como, IT

Ho insegnato inglese, piantato alberi, letto molto e molto viaggiato. Non ho mai smesso di cercare e di pormi domande e sono certa che molte risposte stiano nel viaggio e nei libri. Ho scritto due libri sul viaggio: “A come Avventura, Saggi sull’arte del viaggiare” e “Il Mondo nelle Mani, Divagazioni sul viaggiare”, sono autrice della guida Bolivia e della guida Colombia, tutti editi da Polaris. Collaboro con diverse riviste fra cui LatitudesLife ed Erodoto108. Quando non sono in giro per il mondo, mi trovate nella mia fattoria in Brianza e naturalmente sempre sul mio blog.


Collaborazioni

I MIEI LIBRI