Scritto da il 24/06/2011

Pubblicato su il reporter Parole Nomadi – Se

Se torniamo a sognare il viaggio…
Se lasciamo a casa dipendenze e abitudini, pregiudizi e certezze…
Se rinunciamo alle aspettative eccessive…
Se al tradizionale-originale-autentico-esotico preferiamo il reale…
Se guardando sotto la superficie dell’uniformità diffusa, ritroviamo grazia e magia, storie e culture…
Se riscopriamo la bellezza nelle sue molteplici espressioni…
Se siamo ancora capaci di meraviglia e repulsione, di stupore ed emozione…
Se ci mettiamo in gioco…
Se attiviamo tutti i sensi…
Se restituiamo attenzione allo sguardo…
Se il viaggio diviene nutrimento per il corpo, la mente e anche lo spirito…
Se ascoltiamo il silenzio…
Se viaggiamo leggeri…
Se ritroviamo anche il piacere del camminare…
Se qualche volta rinunciamo al programma stabilito…
Se dimentichiamo la fretta…
Se sappiamo godere anche dell’attesa…
Se ci diamo tempo per fermarci ad ascoltare e a parlare…
Se accettiamo i tempi morti come preziosi spazi per la riflessione e l’incontro…
Se non cerchiamo solo di “collezionare cartoline” del viaggio…
Se la macchina fotografica diventa un grimaldello, non un diaframma fra noi e la realtà…
Se impariamo almeno dieci parole nella lingua locale…
Se riscopriamo la gentilezza…
Se torniamo a sorridere…
Se non ci dimentichiamo mai di ringraziare…
Se accettiamo che altrove ritmi ed efficienza possono essere diversi dai nostri abituali…
Se sappiamo accettare gli imprevisti come parte ineludibile del viaggio…
Se ci facciamo bastare, almeno in viaggio, l’indispensabile…
Se ritroviamo il piacere della semplicità…
Se non facciamo l’abitudine alla miseria che incontriamo…
Se ci lasciamo guidare dalla curiosità e non dai timori…
Se perdiamo ogni tanto la strada senza temere di smarrirci…
Se usiamo la guida per orientarci nella geografia dei luoghi, ma non in quella delle emozioni…
Se cerchiamo domande e non solo risposte…
Se al ritorno non dimentichiamo tutto subito…
Se… nostra “è la Terra e tutto ciò che vi è in essa”.

Per continuare la lettura: “Se” (“If”), celeberrima poesia di Joseph Rudyard Kipling, cui ho rubato il titolo e la frase finale.

TAGS
RELATED POSTS

LASCIA UN COMMENTO

ANNA MASPERO
Como, IT

Ho insegnato inglese, piantato alberi, letto molto e molto viaggiato. Non ho mai smesso di cercare e di pormi domande e sono certa che molte risposte stiano nel viaggio e nei libri. Ho scritto due libri sul viaggio: “A come Avventura, Saggi sull’arte del viaggiare” e “Il Mondo nelle Mani, Divagazioni sul viaggiare”, sono autrice della guida Bolivia e della guida Colombia, tutti editi da Polaris. Collaboro con diverse riviste fra cui LatitudesLife ed Erodoto108. Quando non sono in giro per il mondo, mi trovate nella mia fattoria in Brianza e naturalmente sempre sul mio blog.


Collaborazioni

I MIEI LIBRI