on
14/05/2009

L’uomo /  la donna giusti probabilmente esistono, basta evitarli” (Anonimo)

A tutti i dispari consapevoli e inconsapevoli, leggete qui sotto o ascoltate la mia intervista su radio Capodistria a questo link . Buon ascolto!!

Mentre SINGLE (gentile inglesismo che sostituisce gli orridi vocaboli italiani celibe-nubile o peggio zitella…) è una condizione più o meno temporanea, DISPARI è invece una condizione esistenziale (e non una maledizione/sfiga), che si applica a chi, indipendentemente se viva o non viva un rapporto di coppia, rimane comunque sempre dispari… In sintesi, tanti gli stati civili possibili: sposato/a, divorziato/a, vedovo/a, celibe o nubile (altrimenti detto single). Due le condizioni esistenziali. PARI : qualsiasi stato civile cui appartenga, la sua la sua aspirazione è comunque quella di una vita a due. Matematicamente parlando: 1+1 = 2 (talvolta =1 quando la “comunione” è totale e il risultato che ne deriva, per chi è pari, è l’unione perfetta. Per un dispari sarebbe la prigione a vita). DISPARI : qualsiasi stato civile cui appartenga, la sua forma mentis è programmata sull’autonomia. Può essere single o in coppia, ma dispari rimane. Matematicamente parlando : 1+ 1 = 1+1. I pari, più numerosi, sono naturalmente portati ad affrontare la vita in coppia ed essere in due è la condizione necessaria che viene prima di qualsiasi altro problema o esigenza. I single sono o persone alla ricerca di facili e brevi conquiste o ex pari infelici perché senza compagno. I dispari dal canto loro non sono cuori solitari alla disperata ricerca dell’anima gemella, ma individui sociali che vivono serenamente la loro condizione e desiderano incontrare semplicemente un compagno o una compagna o dei compagni “di viaggio” per percorrere insieme un pezzo di strada.

Ho anche, un po’ per gioco, inventato un gruppo Facebook NON SONO SINGLE MA DISPARI. Il gruppo nasce da un sottile disagio nel dover per forza cliccare su “single” nelle info di “situazione sentimentale”, visto che l’opzione “dispari” non è contemplata da Facebook. In fondo ha l’unico scopo di non far sentire diversi coloro che per scelta consapevole o per predisposizione mai analizzata fino in fondo, sono e si sentono DISPARI.

In sintesi: non sono “sola”, sono “da sola”, e in quella preposizione c’è la differenza.

TAGS
RELATED POSTS
ANNA MASPERO
Como, IT

A come Avventura, B come Bolivia , C come Colombia, M come Mondo… ma anche C come Casa e Cascina Chigollo… Potrebbe essere il titolo del racconto della mia vita di partenze e ritorni. Da mio nonno, soprannominato “Mericàn”, emigrato in Perù e poi ritornato fra le colline della sua Brianza, ho ereditato lo spirito d’avventura e l’amore per la mia terra. Perché di queste due cose sono fatta, un po’ nomade e un po’ stanziale. Andare e ritornare, proprio come le rondini che ancora nidificano sotto i tetti della fattoria del nonno dove vivo…. “Inverno in Egitto, giugno a Parigi. Snobismo delle rondini“, scriveva Paul Morand. Il viaggio è stato per me il primo amore. A quarant’anni ho dato le dimissioni dall’Istituto Sperimentale Linguistico dove insegnavo inglese, preferendo la vita a colori del mondo che è fuori, inseguendo nuove partenze e nuovi ritorni, ma sempre con la passione e la curiosità della prima volta.


I MIEI LIBRI