I miei Libri

Sorridi… alla fine tutto bene. E se non va bene non è la fine

on
31/10/2014

Alla fine tutto va bene. Se non va bene, non è la fine: insisti” . Ho deciso di seguire questo Twitter di Gabriella Albiati semplicemente  perché mi piace il titolo e soprattutto perché è  proprio adatto al mio stato d’animo mattutino di oggi venerdì 31 ottobre. Ieri sera bellissimo incontro di presentazione de Il Mondo nelle Mani  a Oggiono, in una splendida sala attrezzata e funzionante, con Mario Rusca, amico e scrittore, che mi presentava, Giandomenico Corti libraio “coraggioso” della libreria indipendente LiberaMente che ha organizzato tutto alla perfezione, Marco Zuccari collega scrittore della squadra Polaris che filmava e il pubblico che applaudiva. Alla fine TUTTI si sono complimentati con parole davvero lusinghiere per i video professionali, le immagini di qualità e i contenuti di forte impatto emotivo della serata nel suo insieme (ma questo, senza volere vantarmi, succede sempre, sia a voce che anche per scritto con i messaggi che ricevo e di cui trovate qualche esempio cliccando qui e andando a vedere i MESSAGGI DEL PUBBLICO subito sotto gli incontri futuri). Manca però un dettaglio al quadretto idilliaco: il pubblico si contava sulle dita di una mano (beh, di due con anche noi organizzatori…). Eppure non giocava l’Italia e neppure la Iuve, non pioveva e non faceva freddo, non siamo ancora sotto le feste e non c’era un ponte… Insomma niente scuse! Anche se sì, non avevo previsto patatine e  salatini che si sa, attirano sempre, soprattutto in tempo di crisi…

Quindi che dire? No, non va bene, ma non è la fine. Insisto certo, sono testarda, come diceva di me su Erodoto l’amico scrittore  Andrea Semplici “Anna è testarda. E’ questa è una delle doti di chi ha scelto il viaggio come passione, come mestiere, come una delle ragioni della vita“. Insisto, ma rifletto perché qualcosa da cambiare nella comunicazione degli eventi c’è…

Nella foto ci sono io ieri sera, in posa amletica, mentre guardando il mio piccolo mondo mi domando “Essere o non essere?” o forse meglio, ricordando il titolo di un libro della mia gioventù ora passato di moda,  “Che fare?”… Si accettano consigli e alla prossima!

Anna

Oggiono-3web

TAGS
RELATED POSTS
ANNA MASPERO
Como, IT

A come Avventura, B come Bolivia , C come Colombia, M come Mondo… ma anche C come Casa e Cascina Chigollo… Potrebbe essere il titolo del racconto della mia vita di partenze e ritorni. Da mio nonno, soprannominato “Mericàn”, emigrato in Perù e poi ritornato fra le colline della sua Brianza, ho ereditato lo spirito d’avventura e l’amore per la mia terra. Perché di queste due cose sono fatta, un po’ nomade e un po’ stanziale. Andare e ritornare, proprio come le rondini che ancora nidificano sotto i tetti della fattoria del nonno dove vivo…. “Inverno in Egitto, giugno a Parigi. Snobismo delle rondini“, scriveva Paul Morand. Il viaggio è stato per me il primo amore. A quarant’anni ho dato le dimissioni dall’Istituto Sperimentale Linguistico dove insegnavo inglese, preferendo la vita a colori del mondo che è fuori, inseguendo nuove partenze e nuovi ritorni, ma sempre con la passione e la curiosità della prima volta.


I MIEI LIBRI