Le mie Letture

Traversine e ferrovie dimenticate

on
01/03/2012

Domenica  4 marzo sarà la quinta giornata delle Ferrovie Dimenticate. Volentieri pubblico la recensione di Antonio Maddamma di LibriSenzaCarta sul libro “Traversine” di Massimo Conti su un viaggio a piedi lungo il percorso di un tratto di ferrovia abbandonata.

Anna

Tre viaggi in uno solo. Ecco a cosa ci invita Massimo Conti con il suo romanzo Traversine.

Un viaggio ideale sulle orme di quello reale, compiuto dall’autore-narratore in “50 km a piedi da Fano a Urbino lungo la ferrovia Metaurense” (come recita il sottotitolo) ormai abbandonata; un viaggio nel recente passato, sostenuto da un dialogo a più voci a bordo della littorina sulla linea ferroviaria ancora attiva (sarà soppressa nel 1987); un viaggio nella storia della Val Metauro, talora lontana, come quella evocata in un fantastico dialogo fra le anime di due soldati uccisi nella battaglia del Metauro del 207 a.C (con echi da Catullo e Properzio), talora vicina, quella delle dismissioni delle fabbriche novecentesche all’alba del postmoderno, in un paesaggio a tratti ferito, a tratti intatto, nel quale le voci nostrane di Fabio Tombari, Sergio Anselmi, Gabriele Ghiandoni e Paolo Volponi si innestano a visioni fumettistiche bonelliane e a suggestioni cinematografiche da Sergio Leone e Woody Allen. Ed è questo, a nostro parere, il viaggio più caro all’autore. Un petit voyage, compiuto da un bolognese che vive a Fano da vent’anni, ma è ancora considerato un “forestiero”, su un percorso non troppo distante dal tracciato dell’antica Flaminia, con uno spirito non dissimile dai viaggiatori stranieri settecenteschi e ottocenteschi: ne sono prova lo stupore e l’indignazione, il gusto per la citazione letteraria, la tendenza alla digressione, l’acribia documentaria botanica e zoologica che accompagnano la narrazione. Ma in un paesaggio quasi sempre modificato dall’uomo, nel quale si mescolano resti archeologici classici e industriali, vecchi e nuovi insediamenti, e sul quale si alternano dimenticanza e sfacelo, reticenza e denuncia sociale. Se l’autore, partito con fiducia brechtiana, vede cadere man mano la speranza che l’antica ferrovia risorga, non però si rassegna a voler perdere, in questo paesaggio, d’accordo con Paolo Rumiz, “l’ultimo treno per il bello”.

Recensione di Antonio Maddamma di LibriSenzaCarta

TAGS
RELATED POSTS
2 Comments
  1. Rispondi

    Cristina Fuligni

    04/03/2012

    Ho letto Traversine e ne sono rimasta affascinata:le sue pagine ti fanno sprofondare in una strana atmosfera che non saprei bene definire, trascinata da una prosa asciutta ma efficace come fossi l’ombra di quell’uomo che faticosamente avanza calpestando le traversine di una ferrovia chiusa con lo spirito degno di un pioniere e la curiosità di un antropologo. Una volta iniziato il libro non smetteresti mai di leggere.
    Cristina

  2. Rispondi

    Vitale Cavina

    12/03/2012

    Concordo con la lettrice Cristina. Ma è anche un libro che invita a riflettere dove ci sta conducendo un famelico e insaziabile progresso: dentro però c’è tanto altro. Consigliatomi da un amico appassionato di ferrovie abbandonate mi sento anch’io di suggerirne la lettura ad una platea più ampia di lettori.
    Vitale

Leave a Reply to Cristina Fuligni / Cancel Reply

ANNA MASPERO
Como, IT

A come Avventura, B come Bolivia , C come Colombia, M come Mondo… ma anche C come Casa e Cascina Chigollo… Potrebbe essere il titolo del racconto della mia vita di partenze e ritorni. Da mio nonno, soprannominato “Mericàn”, emigrato in Perù e poi ritornato fra le colline della sua Brianza, ho ereditato lo spirito d’avventura e l’amore per la mia terra. Perché di queste due cose sono fatta, un po’ nomade e un po’ stanziale. Andare e ritornare, proprio come le rondini che ancora nidificano sotto i tetti della fattoria del nonno dove vivo…. “Inverno in Egitto, giugno a Parigi. Snobismo delle rondini“, scriveva Paul Morand. Il viaggio è stato per me il primo amore. A quarant’anni ho dato le dimissioni dall’Istituto Sperimentale Linguistico dove insegnavo inglese, preferendo la vita a colori del mondo che è fuori, inseguendo nuove partenze e nuovi ritorni, ma sempre con la passione e la curiosità della prima volta.


I MIEI LIBRI